venerdì 5 settembre 2014

I SEGNI DELL'ARIA

C'è stato tempo in cui internet e addirittura un i-Pad poteva essere un'opera diabolica, inimmaginabile per chiunque.

Nel tempo storico in cui ora viviamo l'informazione è a portata di mano, basta un clic o un tocco di polpastrello per avere ogni tipo di informazione, dall'intera storia dell'uomo al meteo ora per ora.

E' proprio qui che abbiamo voluto soffermarci, sul meteo.

Un tempo prevedere il meteo non era cosa facile ma, l'ingegno umano unito ad attente osservazioni meteorologiche, in determinati periodi dell'anno, faceva si, di prevedere approssimativamente il meteo.

Nella video-intervista, Giovanni Squarcella, classe 1945, ci spiega questi antichi metodi fatti di osservazioni dei venti, delle nuvole,  degli animali e di giorni prestabiliti in cui osservare potrebbe diventare molto interessante.

Giovanni Squarcella ha imparato questi metodi dai suoi avi è ci illustra:

LA CALENDE

Un curioso ed antico metodo per prevedere approssimativamente il meteo in scaglioni mensili.
Bisogna appuntare il meteo di ogni giorno (Es. soleggiato-piovoso-ventilato-freddo ecc.) a partire dal giorno di Santa Lucia (13 Dicembre) in maniera crescente, fermarsi il giorno di Natale per poi ripartire, a ritroso, in maniera decrescente fino all'Epifania.
Esempio:
 

13 dicembre = GENNAIO
14 dicembre = FEBBRAIO
15 dicembre = MARZO
16 dicembre = APRILE
17 dicembre = MAGGIO
18 dicembre = GIUGNO
19 dicembre = LUGLIO
20 dicembre = AGOSTO
21 dicembre = SETTEMBRE
22 dicembre = OTTOBRE
23 dicembre = NOVEBRE
24 dicembre = DICEMBRE
25 DICEMBRE STOP
26 dicembre = DICEMBRE
27 dicembre = NOVEMBRE
28 dicembre = OTTOBRE
29 dicembre = SETTEMBRE
30 dicembre = AGOSTO
31 dicembre = LUGLIO
1 gennaio = GIUGNO
2 gennaio = MAGGIO
3 gennaio = APRILE
4 gennaio = MARZO
5 gennaio = FEBBRAIO
6 gennaio = GENNAIO



I VENTI
Come individuare la direzione in cui soffierà il vento in un determinato periodo osservandolo in tre specifici giorni dell'anno


GLI ANIMALI
Prevedere la pioggia o come sarà l'inverno in base ai "segnali" che ci davano alcuni animali. 


IL GIORNO DI SAN CATALDO
Un antica legenda diceva che, se il giorno di San Cataldo avesse piovuto, sarebbe continuato a piovere per altri 40 giorni...

Crederci come già detto non è cosa facile, ormai abituati a tecnologie avanzate ma, tempo addietro c'era gente che si fidava di questi metodi e faceva addirittura progetti, come la semina o la raccolta di frutta.

Giovanni Squarcella crede ancora in questi metodi e li mette in pratica.

Da parte nostra non ci resta che provare e vedere se veramente funzionano, in fin dei conti non ci costa nulla.




***

Strapulèttë
Li misë dëll’annë

I’ sò Jënnàrë cu lu putaturë
e ciachë l’occhiëra a tuttë li pasturë
li corna rompë a ognë pëcurarë
e purë a chia sparla dë Jënnarë

I’ so Fëbbrarë e Fëbbrarë më chiamë
e so lu capë dë la primavera
se li jurnatë mia fossërë tuttë
ì faciarria ijlà lu vinë jìntë li vuttë

I’ sonnë Marzë re della zappetta
panë e porrë faccë alli dijunë
nun të fëdannë della mia bonezza
so natë alla mancanza dilla luna

I’ sonnë Aprilë cu lu ramajettë
Sciuriscënë li vaddë e li vallunë
da da’ më l’aja cogghië nu mazzettë
Aprilë jè fattë pi li giuvënettë

I’ sonnë Maggië e so maggiorë a tuttë
e so maggiorë a tuttë l’alëmentë
dëratë ognë portë cë sona e cë canta
purë li ciuccë stannë allegramentë

I’ sonnë Giugnë e so capë mëtëtorë
e mo më l’aja fa na gran mëtuta
nu pochë pë me nu pochë pë l’auceddë
nu pochë pë la mia ‘nammuràta

I’ sonnë Luglië cu lu carrë ruttë
lu carrë l’annë ruttë li majsë
tocca cumpagnë mijë chë vànë assuttë
se arriva a chiovë cë pirdimë tuttë

I’ sonnë Agustë cu la malatia
lu medëchë mà scrittë na jaddhina
ì më në magnë dojë ben cumbostë
alla salute mia alla faccia vostra

I’ so Settembrë cu la fica moscia
mò l’uva muscatalla cë funiscë
më nu varilë dë vinë muscatë
‘ncora stù vernë avessë stà malatë

I’ sonnë Ottobrë e sò vëdignatorë
e mò më l’aja fa na vëdignata
më stipë nu varilë dë verdë murdesca
pë fartë mantënà lu lattë frisckë

I’ so Nuvembrë e sò sëminatorë
e mò më l’aja fa na sëmmenàta
së auannë venë la bona ‘rrecota
vë faccë anghì la trippa dë prupàtë

I’ so Dëcembrë e nascia lu Mëssia
lu jottë jennë all’Immaculata
lu tridëcë jennë santa Lucia
lu ventëcinchë nascë lu Redëntorë
scanna lu porcë e nun avè dulòrë


Ascoltala sulla pagina MYSPACE del PROGETTO CALA LA SERA

Nessun commento:

Posta un commento